20 gennaio 2017

Vitala: non la solita pizza

, , , ,

Farina, acqua, olio, sale, lievito naturale. Si direbbe la solita pizza, invece quando questi ingredienti, supportati da lievito da pasta madre incontrano le farine di Vitala succede qualche cosa di speciale. Certo, ci vuole tempo e pazienza, perché una farina classificata addirittura “due” e non certo “00” fatica un po’ ad alzarsi, e infatti anche la pizza non avrà il famoso bordo a canotto, ma sarà comunque fragrante, leggera, digeribile, talmente invitante da poterne mangiare due.

_DSC6818

Questo accade solo la sera -a parte le domeniche invernali- a due passi dalla spiaggia di Laigueglia, in quello che è da considerarsi a tutti gli effetti un ristorante di pesce di primo livello per quanto riguarda la ricerca e la disponibilità di materia prima ittica. Qui si fa tutto, compresa la pasta fresca, ma sono le paste lievitate quelle che escono di parecchio dalla media generale delle pizze freesby che troviamo un po’ dappertutto, quelle che si ricordano più che altro per la complicata fase digestiva.

_DSC6820

Qui ogni tipo di impasto, destinato alle pizze, alla panificazione o alla produzione di dolci (panettoni cotti nel forno a legno inclusi) ha un nome ed un cognome, un senso logico e un protocollo di preparazione degno di un buon progetto portato a termine. Il Pirata, dal 1987 a Laigueglia, progetto guidato da Luca Bertora e dalla moglie Giada. Un porto sicuro al riparo dalle tempeste.

_DSC6803

_DSC6804

Pirata

Persino quattro tipi di panettone

Pirata

Ma il Pirata di Laigueglia è soprattutto un ottimo ristorante di pesce fresco

IL PIRATA

Foto gdf per Mauro Olivieri blog

Lascia un commento

La vostra mail non sarà pubblicata

*