9 novembre 2016

Storia, modernità, tecnologia e ospitalità in Monferrato

, , , ,

CASALE MONFERRATO – A pochi minuti dall’uscita autostradale di Casale Sud, lungo la Voltri Gravellona troviamo un ” fuori casello ” che raccoglie diversi aspetti assai interessanti. La vecchia cascina collocata in Regione Mandoletta è stata progressivamente trasformata -rispettando per quanto possibile la struttura originale- in autentico Relais di Campagna.

Faletta

Vigneto di Syrah

Alcune belle camere, spazi comuni rilassanti, giardino, bar all’aperto, piscina, vigneti e due sale ristorante piuttosto diverse. E ancora, cucina a vista, cantina e azienda agricola. Tutto in bella evidenza. Quello che non si vede è invece il contenuto tecnologico, autentico valore aggiunto a basso impatto ecologico.

Faletta

L’ingresso con il logo dei tre fucili

Muri esterni “coibentati” se così si può dire, usando una terminologia affine all’attività dei proprietari di Cascina Faletta, titolari di una prestigiosa società (proprio di queste parti) leader nel settore delle carrozzerie refrigerate ed isotermiche, insomma, tutti quegli automezzi che trasportano generi alimentari che incontriamo ogni giorno per strada.

Faletta

Dettaglio di una delle belle camere

Pannelli fotovoltaici, scambiatori di aria che circolano in tubature che si occultano perfino sotto ai vigneti, e poi domotica, geotermia ed altri dettagli occultati ma ben presenti, utili per donare un comfort intelligente e contemporaneo.

Faletta

Sala convegni high tech

Infine l’ottimo ristorante, governato dall’esperto Paolo Viviani e coordinato al servizio e all’organizzazione generale del complesso da Fabrizio Alessio. Ottima cucina e buoni vini, della Cascina e d’altrove, ricordando la storia di questo logo che inviterebbe ad immaginare scene di caccia, invece questi tre fucili, insieme a munizioni, ordigni ed a un giornale satirico e politicizzato degli anni ’40, vennero trovati in un meandro nascosto sotto il tetto, e accessibile solo dal tetto.

Faletta

Pannello di controllo

Uno spicchio di storia e di mistero che si mescola con la tecnologia e la modernità. Il mix funziona, il successo di pubblico e di critica comincia a farsi sentire ben più lontano di un eco localizzato in Monferrato, zona che nella seconda metà del secolo scorso era punto di riferimento per la gastronomia, ora in pugno alla Langa, ma luoghi come questo sono benissimo in grado di ricominciare a bilanciare il grado di interesse, tra Langhe, Roero e Monferrato, macro zona di riferimento per il turismo eno-gastronomico.

Faletta

Il giornale d’epoca ritrovato nel sotto tetto con i tre fucili

Faletta

I tre fucili, diventati logo

Faletta

Cucina a vista sotto vetro

Faletta

La sala con le volte in mattoni

Faletta

La seconda e ampia sala, più moderna e luminosa

Faletta

Pane, focaccia, grissini …

Faletta

Crema di fagioli, funghi, cozze e caprino

Faletta

Composizione di trota salmonata, panna cotta salata, chinotti, cipolla all’agro, salsa di peperone arrostito …

Faletta

Cipolla, fonduta di toma di Bettelmatt e tartufo bianco

Faletta

Un assaggio di risotto alla barbabietola e robiola …

Faletta

Ravioli pizzicati farciti di polenta e funghi; tartufo bianco

Faletta

Puntine di maiale, pepe, lime e ketchup piccante … purè e bacon.

Faletta

Tutti i dessert in degustazione per due

_DSC4323

IL SITO DEL RISTORANTE

Foto gdf per Mauro Olivieri blog

 

Lascia un commento

La vostra mail non sarà pubblicata

*