28 luglio 2017

Il risveglio dell’alta cucina di Levante

, , ,

Lavagna – Città di riferimento dell’ardesia ricavata e lavorata nel circondario,  Lavagna trova finalmente un locale modernissimo, dove design e cucina si fondono felicemente grazie all’impegno economico e cerebrale di giovani che hanno investito tempo, denaro e cultura gastronomica di alto profilo.

Guidati da Ivan Maniago, allievo di almeno cinque chef super stellati, i ragazzi dell’Impronta d’Acqua lasciano il segno fin da subito. Dell’Osteria Capocotta di Sestri avevamo già detto, mentre qui, invece di recuperare quell’antica istituzione si è ripreso da zero un locale esistente e lo si è rifatto completamente, partendo da una modernissima cucina senza separazione, neppure un vetro, avendo sperimentato felicemente un sistema di aspirazione che nulla lascia passare, se non dei bellissimi e buonissimi piatti di cucina contemporanea legata alla tradizione di Levante, che è abbastanza diversa da quella di Ponente.

Un logo comune, l’insegna che insiste dall’esterno, sullo zerbino e poi si ritrova anche sulla struttura della cucina vera e propria, dando continuità e certezza al cliente. Una cucina d’autore va evidenziata anche in questa maniera.

Impronta

Ingresso con salotto

Impronta

Gazpacho e semifreddo di mozzarella

Impronta

Il pacchero farcito di ricotta, gambero crudo e caviale italiano di Calvisius. Salsa pistacchio

Impronta

Il carpaccio di vitella piemontese con salsa tonnata e tamarindo. Diversi i piatti con l’incavo dove prelevare un’aggiunta di salsa

Impronta

Risotto al pomodoro con origano selvatico e burrata

Impronta

Finitura al pass per le costolette di agnello croccanti

Impronta

Cioccolato, latte di mandorla e pistacchio

Impronta

Lo chef Ivan Maniago

http://www.improntadacqua.com/

 

 

Lascia un commento

La vostra mail non sarà pubblicata

*