27 giugno 2016

I 30 anni de la Strega di Triora

, , , , ,

TRIORA – Prima di tutto i funghi, più per passione che per mestiere. Augusto chiama per nome e cognome ognuno di essi, e li seleziona e li lavora separatamente. Gallette, mazze di tamburo, porcini, ovuli, cicotti, sanguin … e l’elenco potrebbe continuare. Freschi, sott’olio o disidratati, a seconda delle necessità.

 

Strega

La precisa etichettatura di ogni singola varietà di fungo

Questa rivendita è molto conosciuta, sia in Valle che altrove, mentre quello che è meno noto è che tutto o quasi tutto quello che finisce nei vasetti è stato selezionato, lavorato e confezionato nel micro laboratorio che sta alle spalle del banco dei formaggi custodito da Luana.

 

Strega

Luana, custode di un patrimonio caseario locale ed d’altrove

Frutta, verdura, funghi, salse, condimenti, e ogni altro ortaggio che può essere lavorato e confezionato, viene reso disponibile al pubblico, anche se si tratta di micro produzioni che possono accontentare un piccolo numero di gourmet. L’esclusività non è qui un fattore snobistico, ma bensì una necessità, quella che contraddistingue i veri prodotti di nicchia, quelli che non ci possono essere sempre e per tutti, quelli che non possono finire in un catalogo, quelli che vengono prodotti in così scarsa quantità da sparire dagli scaffali nel giro di pochi giorni o di poche settimane.

 

Strega

Augusto nel piccolo ma atrezzatissimo laboratorio

I salumi, prodotti non tipici di queste parti, mancando un fondamento storico, vengono scelti e selezionati con cura, così come i formaggi, nel caso specifico, di qui e d’altrove, mentre si ritorna strettamente sul territorio con i sughi , che sono preparati unicamente con pomodori cuori di bue locali, come locale è anche l’olio.

_DSC0436

Fagioli, farine, miele, marmellate, liquori, elisir, biscotti, cialde, frutta secca e cos’altro ancora desiderare. Un sugo semplice, da cuori di bue, oppure piccantino, o ancora caratterizzato da aglio e funghi. Il menù degustazione è al completo, frutto di una filiera corta e di una conoscenza della materia che non s’improvvisa, e che solo attraverso l’esperienza di tre decenni può mantenersi così giovane. Ovviamente, a conclusione del tour del negozio, è d’obbligo soffermarsi di fronte alla selezione di vini, anche questa assolutamente personale e di carattere.

_DSC0437

Strega

La”pinza” per le ostie/cialde delle “cubaite”

_DSC0442

Strega

Il secondo banco dei formaggi

Strega

Una novità, i frollini al profumo di lavanda

Strega

Sughi, confetture, composte … tutto in perfetto ordine

Strega

La zona riservata ai funghi, vera passione di Augusto

_DSC0455

_DSC0464

Strega

I rarissimi cicotti

Strega

Sanguin e Gallette

Strega

Splendidi pomodori cuori di bue, i medesimi usati per i sughi, perché più consistenti e bassi di acidità

Strega

Con Luana ed Augusto

LA STREGA DI TRIORA

foto gdf

 

 

Lascia un commento

La vostra mail non sarà pubblicata

*