6 maggio 2016

Architettura, food e design in riva al Lago Maggiore

, , ,
Meina

Meina è un piccolo comune adagiato lungo la sponda piemontese del Lago Maggiore ed in parte addossato ai rilievi che salgono verticali sotto il Mottarone, altura che funge sostanzialmente da spartiacque tra il medesimo Lago Maggiore e quello di Orta.

Giù lungo lago, tra le località più note di Arona e Stresa, un’amministrazione particolarmente attenta alla cura del luogo, ha utilizzato un progetto della grande architetto Gae Aulenti -mancata quattro anni fa- per trasformare quello che era un modesto chiosco senza troppe pretese in una struttura che si evidenzia per la pulizia delle linee e per il sobrio impatto sul paesaggio e funzionale a diverse finalità

 

Meina

La struttura del Beach Club progettato da Gae Aulenti

Il locale, anche se parlare di locale è quasi improprio, vive sul “dentro/fuori” tra il piccolo bar e i più vasti spazi all’aperto. In giardino o sul bordo del lago, sono più di un centinaio i coperti disponibili, ma la polivalenza del locale affidato al management dell’esperto Luca Botteselle, si evidenzierà vivendo le diverse situazioni nelle diverse ore della giornata e della sera, quando l’illuminazione e la musica trasformeranno ancora una volta l’atmosfera.

 

Meina

Relax vista Lago

Il Beach Club Meina infatti vive momenti alternativi e propone tematiche diverse per un relax garantito lungo l’arco del’intera giornata. Una colazione con il tepore del primo sole primaverile, un pausa pranzo semplificata ma che può diventare sempre più gourmand verso sera, non dimenticando soluzioni sempre gradite come una buona pizza o una grigliata di carne o di pesce. Un ottimo barman che fa di nome Mauro Donno conduce al meglio la zona aperitivi e beverage allargato, mentre un grintosa Laura Barbaglini dirige il traffico negli spazi comuni, dove durante l’estate è preventivabile il passaggio di circa 500 persone al giorno, spalmati lungo 16 ore al giorno.

 

Meina

Vetro e legno si contendo lo spazio senza mai oscurare la luce esterna

Si parla tanto di crisi del comparto, e per giunta in una zona dove i tempi migliori sono passati da un bel pezzo, ma non per chi ha avuto questa felice intuizione che coniuga la bellezza naturale del luogo con una struttura che invita a rimanere a lungo perché di bellezza non siamo mai sazi. Quando un progetto è ben calibrato, il successo è garantito.

Meina

Solarium in giardino

Meina

Divanetti e cuscini, con tanto di sponsor di qualità

Dettagli al tavolo

Dettagli ai tavoli

Meina

Cura nei particolari

Meina

Menu’, carta dei vini, tovagliette, posate e tovaglioli … tutto personalizzato

Meina

Fritto, griglia o wok in una sorta di fusion da spiaggia

Meina

Cheesecake di fragole

Meina

Meina Beach Club, Corso Sempione 46, Meina, sulla sponda piemontese del Lago Maggiore. Tel 0322 65163

Commento “Architettura, food e design in riva al Lago Maggiore”

Aggiungi commento

  1. anna.nv61@gmail.com'

    L ambiente, il luogo, la magia che si crea con il cibo sempre più oggetto di studi e ricerche da parte di coloro che fanno di questa filosofia un meraviglioso mestiere per il benessere dello spirito, dell anima …..della persona.

Lascia un commento

La vostra mail non sarà pubblicata

*